come acquistare un bici elettrica

Bicicletta elettrica: una corretta guida all’acquisto parte 2

Come scegliere una bici elettrica? Guida all'acquisto parte 2/3

Come scegliere una bici elettrica? Per rispondere a questa domanda abbiamo pensato per voi ad una guida, nella quale spiegheremo in tre articoli le principali caratteristiche, modelli, tipologie e differenze delle bici elettriche per guidarvi ad un acquisto ben pensato per le proprio necessità.

Motori a induzione: principali caratteristiche

Bici elettriche a induzione

Oggi riprendiamo il discorso dei motori, parlando di quelli a induzione cercando di capire quali sono le sue caratteristiche e le sue tipologie.
Le biciclette con i motori ad induzione sono sicuramente i più diffusi ed i più economici. Il motore ad induzione, rappresenta il sistema più diffuso nelle biciclette elettriche da città, anche se esistono motori ad induzione per biciclette elettriche sportive, con potenze maggiori fino ai 250w. Questa tipologia di motori sono installati nel mozzo, sia anteriore che posteriore, e comunemente con un sistema adatto per l’utilizzo in percorsi urbani pianeggianti. Il suo punto debole sono le salite, in quanto rimane un sistema difficilmente adattabile ad un’uso intenso su inclinazioni importanti, che richiederebbe una potenza maggiore.

Motori a induzione Brush e Brushless

Un motore è una macchina elettrica che converte potenza elettrica in movimento meccanico. Esiste un’ampia varietà di motori, per requisiti di potenza, dimensioni e applicazioni diverse. I due tipi di motori più diffusi sono noti come brush e Brushless (senza spazzole). Anche se la fisica di base è la medesima, i due tipi differiscono molto per struttura, caratteristiche prestazionali e mezzi di controllo.

Motori Brush: vantaggi e svantaggi

I motori brush sono economici e affidabili, oltre a offrire un elevato rapporto coppia/inerzia. Dato che necessitano di pochi o nessun componente esterno, sono anche adatti a funzionare in condizioni difficili. Per quanto riguarda gli svantaggi, le spazzole tendono a usurarsi con il tempo e producono polvere; i motori brush richiedono manutenzione periodica, per la sostituzione o la pulizia delle spazzole.

Motori Brushless (senza spazzole): vantaggi e svantaggi

I motori brushless (senza spazzole) non richiedono troppa manutenzione, dato che non tendono all'usura, e non produce scintille. Offrono, inoltre, meno rumore udibile e un rapporto coppia/peso molto migliore (densità di potenza), quindi hanno dimensioni molto più ridotte rispetto ai motori brush. Rispetto ai motori brush, i motori offrono numero vantaggi prestazionali. Dispongono di un'elevata coppia di avvio, tarata su una velocità nominale. Grazie al controllo elettronico in tempo reale, la regolazione della velocità è precisa e non risente delle variazioni di carico. L'assenza di spazzole comporta meno rumore elettrico e la possibilità di funzionare a velocità maggiori, in alcuni casi fino a 100.000 giri/min.

Motori anteriori

Le bici elettriche con il motore nel mozzo anteriore hanno il vantaggio di rendere la bicicletta più equilibrata, grazie ai peso contrapposti della batteria che si trova nel portapacchi posteriore e quello del motore nella ruota anteriore . Quindi risulterà più facile anche da muovere e sollevare nel caso ci fosse necessità, lo svantaggio è che al contrario del motore nel mozzo posteriore le prestazioni a livello di velocità sono inferiori.

bici cobran retrò 2.1 elettrica

Motori posteriori

Invece, le biciclette elettriche con il motore nel mozzo posteriore hanno il vantaggio di essere più veloci, stabili e una migliore sensazione di guida. Lo svantaggio principale è quello di avere la maggior parte del peso nella parte posteriore della bici, avendo sia la batteria che il motore.