Bici elettriche da città economiche, come sceglierle?

Bici elettriche economiche per uso cittadino, quali sono le caratteristiche fondamentali?

Mai come ora, l’utilizzo delle bici elettriche in città sta diventando una comune realtà in tutto il nostro territori, ma quali sono le reali caratteristiche che devono esser presenti nella nostra e-bike da città? scopriamolo assieme! 

Motore centrale o nel mozzo?

Ecco la prima pietra d’inciampo sul quale rischiamo di cadere, quando ci approcciamo a scegliere una bici elettrica da città, specialmente se vogliamo un prodotto economico, il Motore centralo o nel mozzo?

Spendere di più, paga meglio? non sempre!

Spesso si, ma in questo caso spendere cifre importanti per acquistare un bici elettrica da città con motore centrale,  non è appagante, perché i motori centrali sono nati per un uso sportivo della ebike, soprattutto per percorsi con dislivelli importanti, di conseguenza sono molto più performanti nelle salite e permettono di percorre strade e terreni impossibili per i motori nel mozzo , ma le prestazione nei tratti urbani sono estremamente similare alla controparte con motore nel mozzo ed in oltre i sensori di pedalata attivi nei motori centrali, sono studiati per incentivare l’utente ad interagire in maniera abbondante col contributo muscolare, obbligando il ciclista ad erogare un costante sforzo per mantenere attiva l’induzione, cosa che non sempre è congeniale a l’utente urbano che utilizza la bicicletta elettrica per esigenze legate alla mobilità ordinaria di ogni giorno(se non volete arrivare sudati a lavoro, sarà più facile riuscirci con un ebike con motore sul mozzo che con motore centrale)

Grossa differenza di prezzo

In oltre c’è un’importante differenza  economica, perché è impossibile trovare Bici elettriche da città con motore centrali sotto le €1000 mentre è facilmente fattibile con le bici elettriche con motore su mozzo

Compatibilità e semplicità!

I design moderni ed originali sicuramente ci attraggono, ma attenzione! Perchè una bici elettrica da città oltre che bella deve essere versatile e soprattutto compatibile con tutti gli accessori che ci servono! Spesso mi è capitato di conoscer clienti che hanno comprato bellisi bici elettriche dall’aspetto futuristico e poi vedersi costretti a lasciarla in garage perché non compatibile col porta seggiolini per il loro bimbo! Quindi quando siete al punto di scegliere la vostra bici elettrica, fate attenzioni che sia compatibile con tutti gli accessori che poi vorrete montarci, Design tradizionali, dove sono già compresi accessori come portapacchi omologati, sono una scelta migliore se poi avete l’esigenza di montare un seggiolino posteriori, attenti anche agli sterzi oversize, perchè nel 90% dei casi, poi vi sarà impossibile montare un seggiolini posteriore, la forcella ammortizzata spesso preclude totalmente l’inserimento di un cestino anteriore, ed in quei casi dove tramite apposti portacesti è possibile inserire il cestino, si tratterà comunque di un ripiego che non garantirà la robustezza e stabilità di un portacesta tradizionale 

Telaio da uomo, donna o unisex?

A tutti piace avere un telaio esteticamente dedicato, ma nello studiare una bici elettrica per utilizzo urbano, la scelta migliore è sicuramente la versione Unisex(telaio venere) non solo perché così può essere comodamente utilizzata da tutti i membri della famiglia, ma anche perchè il telaio con accesso frontale, vi darà la possibilità di montare seggiolini per bambini sul posteriore della bici, senza ostacolare la salita in sella, salire su un bici da uomo, con vostro figlio dietro, vi richiederà una grade elasticità muscolare delle gambe o rischierete di colpire vostro figlio con un calcio!

Batteria per bici elettrica da città!

Più c’è ne, meglio è? Anche no! Molti clienti investono cifre importanti per accaparrarsi bici elettriche da città con batterie sempre  più capienti, ma attenzione, perchè questa esigenza non è sempre giustificata, cercata una batteria che risponda alle vostre reali esigenze, se dovete percorrere 5 km al giorno, prendere una batteria che ve ne promette 100km non è sempre una buona idea, perché oltre la spesa economica maggiore, rischiate anche di rovinare la vostra batteria per incuria, in quanto una batteria  più grande ha dentro di se un numero maggiore di celle, che di conseguenza possono presenterà una casualità di difetto maggiore ES: ogni cellula SS ha un percentuale del 03,% di riscontrare malfunzionamenti, un pacco batteria con 10 cellule avrà quando una percentuale del 3% se arriviamo a 20 cellule si tocca il 6% e cosi via..In oltre una batteria con più capienza sarà più difficile da far ciclare correttamente, l’ideale per mantenere in salute un pacco batteria e caricarla il più possibile, almeno 1/2 volte a settimana costantemente, quindi se la vostra batteria fa 100Km e voi ne fate massimo 30 a settimana, potreste rischiare di non caricare bene la vostra bici e mandare cosi in incuria il pacco batteria!

Torna su